Interior

Il grigio,
una scelta consapevole

È un ricordo indelebile e piacevole quello del primo anno di liceo trascorso nelle aule di figura e ornato. Sono materie ai più sconosciute ma importanti se frequenti un istituto in cui l’arte è per tutti la prima fonte di studio e lavoro.

Le prime ore di ornato le ho trascorse a “tirare” la goccia di ecoline su un foglio ruvido in 100% cotone.

L’ecoline è un acquerello liquido che si vende in piccole bottiglie. Sono colori particolarmente brillanti, pronti all’uso e si vendono con un coperchio dotato di contagocce. Saperli usare è quasi un’arte e la cosa più difficile da realizzare con l’ecoline è il grigio!

Il grigio neutro per la precisione.

Non tutti sanno che il grigio solo nel mondo moderno è la risultante di dosi di bianco e nero, nel mondo più antico dell’arte il grigio è la somma in parti uguali dei tre colori primari: blu, rosso e giallo.

Il grigio è complementare di se stesso. Ecco perché il suo valore è così intrinseco, raffinato, elegante.

Grigio è design

Fino a pochi anni fa il grigio veniva associato quasi esclusivamente al metallo perché simboleggiava autorità e formalità. Era indicato per gli ambienti lavorativi e di rappresentanza ma sconsigliato per gli spazi intimi e familiari.

Oggi invece il grigio è un colore che fa tendenza.

Il suo significato è complesso e intrinseco. Il grigio rappresenta una personalità oggettiva ed equilibrata.

Una combinazione di tessuti grigi dona al divano Largo e Plastics Duo di Kartell un aspetto elegante e delicato nonostante le sue misure importanti.

Nel mondo moderno è concepito come la somma di bianco e nero, è la combinazione tra il bene ed il male, tra il freddo e il caldo, tra lo yin e lo yang.

Il grigio conferisce neutralità ad un ambiente e anche se può essere interpretato come una visione prudente di fronte alle scelte importanti, in realtà aiuta la propria difesa personale dai continui stress quotidiani. Accresce il valore intimo tra noi stessi e con tutto ciò che ci circonda.

Il grigio antracite della parete accompagna la testiera in tessuto bouclè del letto De-Light di Twils, elegante e prezioso grazie anche al particolare del comodino in oro.
Il grigio è padrone anche in questa ambientazione in cui il letto Max Capitonnè di Twils è accompagnato da un tocco di arancione.

Immergere i propri spazi quotidiani nel grigio aiuta la riflessione e l’introspezione, conserva la possibilità di creare intorno a questo colore un mondo ricco di personalità.

Possiamo dedicarci alla cura per i dettagli perché il grigio permette giochi cromatici interessanti. Il carta da zucchero per esempio crea un ambientazione elegante e raffinata. Il rosa ci immerge in un mondo estroso e carico di personalità.

Una libreria essenziale in ferro si staglia su una parete rosa cipria creando un ambiente molto suggestivo.
Una libreria Selecta di Lema in rovere grigio è accompagnata da più complementi colore carta da zucchero.

Una scelta consapevole

Quando si sceglie il grigio per una o più stanze della casa non significa avere paura di osare e soprattutto non c’è la volontà di rimanere nel neutro per paura di sbagliare.

Il grigio non è comodità ma sicurezza. È una scelta di vita.

È la sicurezza in tasca che qualsiasi cosa accada “lui” sarà pronto ad accogliere ogni tipo di cambiamento.

Avvolge gli arredi rendendoli strutturati ed importanti, può esaltare un legno caldo e naturale, convive in armonia con metalli e marmi perché la sua versatilità è infinita.

Il grigio non cade mai nel banale e rende ogni ambiente unico senza strafare.

Il grigio non stanca, il grigio è funzione.

La scelta del grigio è una scelta da ponderare e gestire al meglio, magari con l’aiuto di un interior designer. Affidarsi a chi conosce profondamente il mondo dell’arredamento vi conduce verso un progetto cromatico d’insieme.

Xila di Boffi è l’arredo bagno realizzato in finitura metallo e abbinato ad un rivestimento di Salvatori in pietra d’avola in finitura rain.

Per esempio bisogna evitare un grigio particolarmente freddo se nell’ambiente entra moltissima luce perché in questo modo si evita di avere una stanza velata di azzurro con un effetto vagamente infantile.

Una buona considerazione invece può essere  quella di valutare un grigio che cromaticamente contiene al suo interno anche solo una piccola dose di nuance calda come il marrone o il giallo. Tutto risulterà più semplice perché gli accostamenti potranno coinvolgere materiali come un marmo dal carattere prezioso o un legno con sfumature naturali e calde.

L’arredo bagno di Salvatori in pietra e con lavorazioni di vario genere lascia stupefatti e senza parole. Il grigio in questo caso non è solo colore ma soprattutto materia.
Ambientazione Caccaro in cui l’armadio laccato grigio opaco e il letto Pliè totalmente in grigio, sono accompagnati da complementi notte in legno.

E tu? A quale grigio appartieni? Non scegliere quello sbagliato, restiamo in contatto.


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri come vengono trattati i tuoi dati