Idee, News

Il cambio di stagione, 3 consigli salvaspazio

È arrivato l’autunno e si avvicina sempre di più quello che cerchiamo con tutte le forze di evitare… il cambio stagione

Le giornate sono ancora calde ma di mattina l’aria è frizzante e i tessuti leggeri che abbiamo indossato fino a ieri iniziano a diventare freddi e a contatto con la pelle ci fanno rabbrividire.
Quindi dobbiamo affrettarci a fare un cambio celere del nostro guardaroba senza perdere troppo tempo e senza farci prendere dal panico quando la montagna di vestiti sul letto sembrerà una vetta da scalare.

È il sogno di molti quello di non essere costretti a fare il cambio stagionale dei vestiti perché in casa ci fa compagnia una meravigliosa cabina armadio tanto grande e funzionale da assomigliare ad un vero negozio alla moda. Sarebbe meraviglioso adibire una stanza intera ai nostri vestiti, una cabina armadio in cui sfilano a sinistra i capi invernali e a destra quelli estivi con anche due vani attrezzati per scarpe e accessori.

Elvarli di IKEA è un sistema molto flessibile che permette di organizzare qualsiasi spazio.
Gliss Master di Molteni&C è un interessante sistema in cui si possono combinare elementi con o senza ante. La versione senza ante si trasforma in una funzionale cabina armadio lineare e anche angolare.


Purtroppo però in una casa di media ampiezza non è facile ricavare una stanza per il guardaroba e a volte il classico e comodo armadio a quattro, sei o otto ante è la soluzione più semplice e funzionale.

Il sistema guardaroba Pax di IKEA è uno degli armadi più venduti per via della sua versatilità e personalizzazione.
Poliform in questa stanza esibisce una spazioso armadio battente a otto ante.

Questo però significa spazi più contenuti e difficili da gestire, bisogna studiare una tattica precisa e organizzare un cambio di stagione ben strutturato.
Questo post nasce per darvi 3 consigli importanti su come organizzare lo spazio che la nostra casa ci mette a disposizione e per evitare che il cambio di stagione sia un evento drammatico.

1. Il sottoletto

I letti con il box contenitore sono davvero una bella invenzione. Nello spazio sottoletto è possibile gestire il volume immenso che occupano le lenzuola, le doppie coperte, i plaid, i cuscini, le borse…

È una tipologia di letto che molti non gradiscono poiché gestire la pulizia del vano sotto rete e della zona sotto il letto non è cosa semplice e pratica ma ci sono dei piccoli trucchi che possono migliorare la gestione di questa struttura.

Il letto Design di Santambrogio in questa foto rende l’idea di quante cose possono lasciare spazio ai vestiti per essere collocate comodamente nel vano contenitore sotto il letto.
Letto Blanca di Twils.
Questo letto di Oggioni ha un meccanismo che permette di accedere al vano contenitore in due modi e facilita chi deve rifare il letto.

Esiste per esempio la possibilità di scegliere piedi di sostegno più alti in maniera da lasciare lo spazio tecnico per il passaggio di attrezzi che raccolgono la polvere.
Consiglio sempre ai miei clienti di acquistare le comodissime scatole con coperchio ermetico per sottoletto che permettono di disporre la biancheria in modo pulito e ordinato. All’occorrenza si spostano con facilità agevolando la pulizia del vano.

Una possibilità di piede per letto contenitore che facilita la pulizia della zona sotto il letto.

In ogni caso il letto con contenitore è completamente smontabile per cui la pulizia non ci deve far paura ed è un buon compromesso salva spazio.
Niente più coperte, cuscini, lenzuola fra i nostri vestiti.

2. Il comodino

Il comodino sta vivendo una splendida fase fatta di design e leggerezza. Oggi in camera da letto incontriamo tavolini snelli di ogni forma, colore e materiale e che fungono d’appoggio per le cose necessarie…una lampada, un paio di occhiali, una tazza fumante di caffè.

I coffee table hanno superato corridoi e disimpegni e sono entrati in camera da letto con carattere e colore, design e leggerezza.

Thonet firma questo tavolino panca che si chiama Mos ed è realizzato in faggio curvato avvolto in un guscio di paglia di Vienna.
Kitano è un coffee table con piano in ceramica Marmi color Calacatta firmato Cattelan Italia e qui ambientato in un’elegante zona notte.

Questo però significa poco contenimento e quindi quando la camera da letto non permette armadi più grandi del classico due metri e settanta consiglio di valutare bene la scelta del comodino.

Scegliere dei comodini con almeno due cassetti permette di gestire la biancheria intima quotidiana ed evitare l’inserimento della cassettiera interna all’armadio che occupa tecnicamente tanto spazio ma alla fine contiene poche cose.

Sistema armadi di Lema. La cassettiera interna all’armadio purtroppo interrompe uno spazio appendiabito e riduce la capienza per i vestiti.
I comodini sono tornati ad essere sistemi componibili che si dilatano in base allo spazio.
Caccaro camera da letto
Caccaro è un’azienda che oltre ad un sistema armadi funzionale e altamente tecnico, cura con attenzione il design e la capienza di comodini e gruppi letto.

L’armadio senza cassettiera interna avrà a disposizione un appendiabito in più e non saremo obbligati ad aprirlo tutte le volte che dobbiamo prendere un paio di calze.

3. La progettazione

Nella progettazione non bisogna mai trascurare o sottovalutare i piccoli spazi di casa come nicchie, disimpegni o ingressi poiché sono luoghi in cui si possono disporre armadi contenuti ma funzionali.

Un piccolo guardaroba a due ante ricavato in una nicchia all’ingresso di casa per esempio ci permette di non riporre giacche, cappotti e giubbotti nell’armadio della camera da letto. Questo è un modo per risparmiare spazio che possiamo dedicare ad altro e soprattutto una scelta corretta dal punto di vista igienico poiché le nostre giacche sono impregnate di batteri e polveri sottili che creano cattivo odore e un ambiente poco adeguato per i nostri vestiti.

Il disimpegno viene sempre e solo gestito come un passaggio fra le stanze quando in realtà se progettato correttamente può contenere un piccolo armadio adibito ad asciugamani e accappatoi. Questi libereranno un ulteriore spazio all’interno dell’armadio della nostra camera da letto.

Sistema armadi di Caccaro. Una piccola porzione di armadio può essere estremamente funzionale.

Quando tutto questo non è possibile allora esistono brand che studiano e producono soggiorni con snelli cambi di profondità e, quello che mezzo metro prima è un mobile soggiorno, improvvisamente diventa un armadio che può contenere un guardaroba.

Caccaro è un’azienda che ha investito tantissimo sulla polifunzionalità degli elementi con cui si può comporre tutto seguendo l’esigenza della casa e di chi la abita. Questo è un soggiorno che diventa anche un armadio guardaroba.
Caccaro firma anche questa composizione in cui una cristalliera per living e cucina può accogliere anche una zona lavanderia.
Modulnova. Un armadio scorrevole a due ante diventa con eleganza la libreria di un’ampia zona living.

Riepilogando…se togliamo dall’armadio della camera da letto:

  • giacche
  • cappotti
  • giubbotti
  • lenzuola
  • coperte
  • borse e borsoni
  • indumenti sportivi
  • asciugamani
  • accessori vari

ciò che otteniamo è un armadio con tanti centimetri di tubo appendiabiti per gestire al meglio i vestiti…da fare invidia anche al negozio più cool della città.

E tu? Hai già fatto il cambio di stagione o continui a rimandare? Sei sicuro/a di aver sfruttato al meglio il tuo spazio di casa?Contattami e proveremo insieme a risolvere ogni problema.


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri come vengono trattati i tuoi dati