News

Bonus Ristrutturazione, Super Bonus 110%, Bonus Verde, Bonus Facciata , Bonus Mobili | Ecco quello che dovete sapere

È importante capire quali sono e cosa sono i bonus fiscali per chi vuole acquistare casa o ristrutturare quella in cui vive. Le agevolazioni fiscali si basano sulle detrazioni dall’IRPEF, sulle persone fisiche e non sulle società. Può usufruire di queste detrazioni chi acquista casa o chi ci vive.

Cos’è una detrazione

Se decidete di ristrutturare il bagno e spendete 10.000 euro, il Bonus Ristrutturazione vi permette di recuperare il 50% della spesa. Vi verrà riconosciuta una detrazione di 5.000 euro per cui ogni anno, per 10 anni, vi restituiranno 500 euro.

Se siete dipendenti ogni anno in busta paga vi verranno accreditati 500 euro se invece siete lavoratori autonomi i 500 euro vi verranno detratti dalle tasse.

Il Bonus Ristrutturazione

Il Bonus Ristrutturazione può essere applicato a case e immobili ad uso residenziale. Entro il 31 Dicembre 2021 si può recuperare il 50% della spesa con un limite massimo di 96.000 euro. Questo significa che se spendete 120.000 euro per ristrutturare casa vi verrà comunque riconosciuta la detrazione su 96.000 euro ovvero 48.000 euro, 4.800 euro all’anno.

Gli interventi riconosciuti devono essere ”significativi” come l’inserimento di un ascensore, il risanamento o la messa in sicurezza dell’immobile, la demolizione di muri per la rivalutazione degli spazi, il rifacimento di un bagno.

I pagamenti devono essere effettuati tassativamente con un bonifico parlante, ovvero un bonifico dettagliato di ogni informazione, soprattutto su chi beneficerà della detrazione. E’ necessaria inoltre una corretta emissione delle fatture.

Super Bonus 110%

Lui è fantastico! La cosa incredibile è che in questo caso il rimborso supera la spesa. Se spendete 10.000 euro vi restituiranno 11.000 euro, in soli 5 anni e fino al 31 dicembre 2021.

Per accedere al Super Bonus bisogna avere almeno uno dei tre ”interventi trainanti” che sono:

  • sostituzione dell’impianto di riscaldamento con un impianto a pompa di calore
  • il rifacimento del cappotto
  • interventi antisismici (fino a 96.000 euro)

Qualsiasi intervento, anche con minore agevolazione, può essere accorpato ad uno dei trainanti ed ottenere la stessa percentuale di detrazione.

Per esempio l’installazione dei pannelli fotovoltaici prevede una detrazione del 50% ma se accorpata ad un intervento trainante sarà anche questa del 110%.

Le condizioni

La condizione per ottenere un intervento trainante è quella di migliorare la certificazione energetica almeno di una classe e per fare questo è fondamentale fornire l’ APE, Attestazione Prestazione Energetica, che si esegue sia all’inizio che alla fine dei lavori.

La novità

C’è una grande novità!

Prima del Coronavirus se ristrutturavi il bagno spendendo 10.000 euro per cui ti venivano riconosciuti 11.000 euro, usufruivi totalmente della detrazione solo se il tuo IRPEF era uguale o superiore a 11.000 euro. Se il tuo IRPEF ammontava per esempio a 3.000 euro, la differenza di 8.000 euro andava persa.

Oggi invece puoi cedere la detrazione.

Puoi cedere la tua detrazione a una banca per esempio, a una persona fisica oppure all’impresa che sta effettuando i lavori. Attraverso accordi trasparenti puoi decidere di non pagare il lavoro ai professionisti e di cedere a loro la tua detrazione.

Bonus Verde e Bonus Facciata

Il Bonus Verde è un bonus autonomo ovvero scollegato dagli altri ed è del 36% su una spesa massima di 5.000 euro. È valido per interventi significativi come il progetto di giardini e aree verdi, irrigazione, pozzi ecc…

Il Bonus Facciata prevede invece una detrazione del 90% a meno che non sia accorpata ad un intervento trainante. In questo caso sarà del 110%. È stato pensato non per una miglioria della classe energetica ma per abbellire esteticamente l’immobile, il capannone o qualsiasi edificio lo necessiti a patto che si trovi in zona A oppure B. Per conoscere le zone del tessuto urbano bisogna interpellare un geometra. Anche il bonus facciata è oggetto di cessione.

Il Bonus Mobili

Il Bonus Mobili è l’agevolazione al 50% che riguarda l’acquisto di mobili nuovi ed elettrodomestici in classe energetica A+. Il limite è 10.000 euro che significa che se spendo 25.000 euro comunque mi verrà riconosciuta una detrazione di 5.000 euro pari a 500 euro all’anno per 10 anni.

Per accedere al bonus mobili è necessario aver effettuato una ristrutturazione anche piccola, basta la demolizione di un muro e aver pagato con tracciabilità.


2 risposte.

  1. Federica ha detto:

    Buongiorno, mi scuso se non è il posto corretto per questa domanda.. ma se in questi ultimi anni abbiamo usufruito del 50% per la ristrutturazione fino al limite massimo di 96.000 euro, potremmo utilizzare cmq il superbonus 110%per i pannelli fotovoltaici?
    Grazie mille

    1. Federica Iobbi ha detto:

      Buongiorno!
      I Bonus Fiscali sono cumulabili anche durante lo stesso periodo. In ogni vi consiglio di chiedere conferma ad un geometra oppure in ufficio informazioni fiscali del vostro Comune.

      Grazie per aver letto il mio articolo!

      Federica

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri come vengono trattati i tuoi dati